Rivista di etica e scienze sociali / Journal of Ethics & Social Sciences

 

 

L’ordine morale 1 esige che l’attività economica, intrinsecamente sociale, venga svolta come prestazione di un servizio: di conseguenza esige pure che la si svolga in attitudine di operante solidarietà attraverso le forme di collaborazione che le diverse situazioni storiche acconsentono, suggeriscono o reclamano.pdf

Una siffatta esigenza dell’ordine morale sussiste ovunque e sempre; in tutti i momenti della vita economica: si tratti di attività diretta a produrre la ricchezza o a ripartirla o a scambiarla o a consumarla; ed è un’esigenza la cui soddisfazione, soprattutto nell’epoca moderna, è condizione indispensabile alla vitalità e allo sviluppo del mondo economico.

Ciò che caratterizza l’epoca moderna è l’impresa grande e media. Le quali, a loro volta, soprattutto sotto il profilo sociale-giuridico, si contraddistinguono per il fatto che in esse coloro che dirigono non si identificano con i soggetti esplicanti attività a carattere esecutivo. Di qui il porsi di un problema tipico, almeno nella sua accentuazione, dell’epoca moderna: secondo quale principio o criterio vanno regolati i loro rapporti? La risposta non può essere dubbia, qualora si abbia del lavoro una concezione che ne rispecchi obbiettivamente il contenuto, quale è la concezione cristiana: il principio o criterio da adottarsi nella soluzione del problema è quello della solidarietà e della collaborazione.

Ciò non implica che fra gli uni e gli altri non possano sorgere o sussistere divergenze e contrasti. Sotto la spinta non eliminabile di impulsi più o meno controllabili della natura umana, è molto difficile che coloro che comandano non siano portati a qualche eccesso nell’esercizio della loro autorità; e coloro che sono in rapporto di dipendenza a mettere insistentemente in rilievo la dignità della loro persona e le rispettive esigenze; e a motivo degli stessi impulsi è pure molto difficile che i portatori di capitali non tendano ad arrogare a sè una porzione di reddito assai elevata sotto forma di interesse: gli imprenditori e i dirigenti non rivelino la stessa tendenza per quanto attiene il profitto; e gli operai in ordine al salario.

Il principio o criterio della solidarietà e della collaborazione non domanda certo che tali divergenze e tali contrasti non esistano o non possano sorgere: domanda invece che si compongano, non facendo ricorso alla forza, ma nella luce della giustizia, adoprandosi di contemperare gli interessi degli uni con gli interessi degli altri, e di subordinare gli interessi dei singoli alle esigenze del bene comune.

L’economia moderna 2, come si è detto, è fortemente tecnicizzata e tende ad esserlo sempre più. Per cui in essa si è posto e incessantemente si ripropone in forme nuove il problema del rapporto fra uomo e ambiente di lavoro. Occorre che l’ambiente di lavoro sia tale da non compromettere la sanità fisica, la normalità fisiologico-psichica, il costume morale dei lavoratori. A tale riguardo è impegnata la responsabilità dei pdfsingoli, delle imprese, dei corpi intermedi; ma è pure impegnata la responsabilità dei Poteri pubblici. Gli Stati moderni più evoluti hanno cercato di perseguire lo scopo attraverso istituti di indagine, norme obbligatorie a contenuto igienico, sanitario, psichico, morale, e organi ispettivi. Però in quel campo l’azione è sempre di attualità e domanda grandi competenze e un’operante, inflessibile sensibilità morale.

 

NOTE
 1 Da “Concezione cristiana del lavoro” in L. CIVARDI e P. PAVAN, Il Lavoro, Roma 1963.
 2 Da L’ordine economico, Roma, 1957.

 

This website uses cookies to improve your experience.

By closing this banner, scrolling through this page or by clicking on any element You consent to the use of cookies.

We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish.