Rivista di etica e scienze sociali / Journal of Ethics & Social Sciences

Antonio Genovesi (Cattedratico all’Università di Napoli dal 1754),
Da Lezioni di commercio o sia d’economia civile, Bassano, MDCCLXXXVIII, [1ª ed. 1765]

 

pdfLXXX. Il Sig Mandeville si oppone a questa dottrina. La cupidigia delle ricchezze, dic’egli, è una forza, che solletica e spinge alla fatica, e alla ricerca di quei comodi, de’ quali tutti abbisogniamo, e tanto più, quanto noi ci troviamo in una più polita società. Di qui seguita, che se tu ti sforzerai de svellerla, o di comprimerla soverchiamente, rendersi gli uomini immobili, ed estinguerai in essi ogni spirito d’industria. E nel vero, dic’egli, per la cupidigia avviene, che desiderando ciascuno di aver sempre il più che può de’ beni della fortuna, nascano nelle famiglie, e con ciò in tutto lo Stato, delle grandi ricchezze. La qual cupidità non così tosto sarà ripressa, e disprezzato e fuggito il soverchio, siccome gravissimo scomodo, e anche male, gli uomini abbandoneranno ogni cultura, e perciò ogn’industria, e diligenza, e diverranno a poco a poco barbari e selvaggi. E’ un paradosso, soggiunge egli, ma però vero: il nemico mortale della fatica non è già l’infingardaggine, ma bensì il dispregio d’ogni comodo, e pulitezza. E’ provato per la storia de’ popoli selvaggi di tutti i climi. I Carabi delle Antille hanno del vigore di corpo, e di spirito, essi intanto odiano ogni arte e mestiero, perché disprezzano ogni comodo. E’ il medesimo de’ Siberi.

LXXXI. Or che diremo qui, che l’Economia e la Politica sieno contrarie all’Etica, e alle regole del buon costume? Rispondo adunque,

che la cupidità non è da sterpare dell’intutto, siccome niun’altra passione primitiva; perché oltrechè è tentarlo in vano, pure se vi si potesse arrivare, si spoglierebbe l’uomo di tutte le molle sollecitatrici, ond’è mosso. I Savi dicono, che la cupidità è nell’uomo, come il vento in mare, le passioni come le vele, la ragione come il nocchiero, e il timoniere. Togliete ad una nave quelle vele: abbattete il vento: voi l’avrete tolto ogni moto. Ma nondimeno quelle vele sono da essere regolate dalla ragione. Delle volte si richiede averne molte: altre volte poche, o nulla: abbandonarsi al caso, aprir tutte le vele al vento, è volere scuotere il governo della ragione. Se voi esaminate l’immensa copia de’ mali, che fa l’uomo all’uomo, ne troverete la minor parte nascere dal bisogno e la massima dalla cupidigia. Come si potrebbe dunque lasciar tutta la briglia ad una sì sterminatrice passione, e chiamarla poi il cornucopia?

 

Bando Borse di Studio del Programma STRONG a.a. 2020-2021baner strong

This website uses cookies to improve your experience.

By closing this banner, scrolling through this page or by clicking on any element You consent to the use of cookies.

We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish.